Rivolgersi ad un gruppo di auto- aiuto o fondarne uno

Mentre illustri scienziati, sociologi, moralisti e criminologi si interrogano sulla vera natura delle dedizioni le persone che hanno simili problemi si sono organizzate per affrontarli. Il modo più noto e “gettonato” è la partecipazione a gruppi di auto-aiuto, gratuiti ed anonimi, che si rifanno al cosiddetto metodo dei Dodici Passi. Si tratta di un programma che inizialmente si riferiva ad alcolisti o dipendenti da droghe ma che si è poi diffuso a molte altre situazioni caratterizzate dalla perdita di controllo.  In provincia di Brescia esiste un gruppo di autoaiuto per giocatori d’azzardo (informazioni aggiornate su www.giocatorianonimi.org ). L’elenco di tutti i gruppi di questo genere, per le diverse dipendenze, esistenti in Italia si trova sul sito www.focus12passi.it. Un’altra possibilità potrebbe essere richiedere l’aiuto di AMA, una associazione che si occupa di promuovere gruppi per ogni genere di problema.  Ciascuno di noi, tuttavia, può fondare un gruppo di auto-aiuto adatto alle proprie esigenze seguendo alcune indicazioni.